14 aprile, 2024

Approfondimenti. Le Fonti parte 3 finale
🔥Le fonti non letterarie più importanti da considerare sono quelle archeologiche, come le tombe e le lapidi. L’archeologia è una fonte interessante per la purezza e la libertà che spesso si pensa abbia. Dopo tutto, proviene direttamente dalle mani degli stessi vichinghi. Ma sotto la sua apparente purezza, l’archeologia è in realtà molto problematica. Tra i vari tipi di fonti, quelle archeologiche sono di gran lunga le più difficili da interpretare, eppure sono quelle che hanno più bisogno di essere interpretate. In generale, possiamo dare un senso a ciò che l’archeologia ci fornisce solo in riferimento alle fonti letterarie successive.
🔥
Sebbene l’archeologia possa quindi corroborare alcune delle informazioni fornite dalle fonti letterarie successive, c’è sempre il rischio di forzare le prove archeologiche per farle rientrare in uno schema particolare e artificiale, dal momento che siamo essenzialmente all’oscuro di ciò che potrebbero significare al di fuori dei particolari filtri interpretativi delle opere scritte successive. Piuttosto che avvicinarsi ai Vichinghi rispetto alle fonti letterarie dei periodi successivi, le prove archeologiche sono, paradossalmente, spesso più lontane dai Vichinghi rispetto alle fonti letterarie.
🔥
Un’altra fonte fruttuosa di informazioni e approfondimenti sull’antico culto e la mitologia norrena è il confronto interculturale con altri popoli con i quali i norreni avevano un rapporto particolarmente significativo. Confrontando i dettagli delle fonti scritte e dell’archeologia con le pratiche e le credenze più conosciute di popoli affini, possiamo spesso arrivare a comprendere meglio la mitologia e il culto norreno. Le culture più vicine con cui possiamo confrontare elementi della cultura norrena sono quelle degli altri gruppi germanici, come gli anglosassoni d’Inghilterra e le tribù germaniche continentali; altri gruppi indoeuropei come gli indiani (dell’India), i celti, gli slavi, i greci e i romani; i Sámi, il popolo tradizionalmente nomade della Scandinavia settentrionale; e, in alcuni casi particolari, altri gruppi eurasiatici circumpolari provenienti da più lontano, come le popolazioni indigene della Siberia.
Altre fonti degne di nota sono i codici di legge, i toponimi, le testimonianze linguistiche e il folklore di epoche successive. Quando un codice di legge proibisce qualcosa, possiamo essere ragionevolmente certi che fosse praticato. I codici di legge scritti dell’era cristiana nell’Europa settentrionale spesso proibiscono attività che sembrano vestigia di pratiche precristiane, il che a volte può fornirci ulteriori indizi su cosa comportassero esattamente quelle pratiche. I nomi dei luoghi dei Paesi norreni contengono occasionalmente il nome di una divinità e/o una parola che segnala la presenza di un qualche tipo di luogo sacro, il che ci fornisce ulteriori informazioni su quali dei e dee erano effettivamente venerati (piuttosto che essere solo personaggi letterari), con quale frequenza e dove. Lo studio delle parole che i norreni usavano per riferirsi a particolari concetti, esseri, ecc. può darci indizi sul significato di quei concetti e sui caratteri di quegli esseri. Inoltre, il folklore del periodo medievale e della prima età moderna conserva occasionalmente elementi di credenze e pratiche dell’età vichinga e precedenti, anche se questo tipo di fonti deve essere trattato con particolare attenzione a causa della difficoltà di individuare elementi del culto e della mitologia antiche tra la proporzione molto più ampia di innovazioni più recenti. Cosa significa la natura di queste fonti per lo studio della mitologia e del culto norreno?
🔥
Come abbiamo visto, non esistono fonti che possiamo prendere al valore nominale. Tutte le nostre fonti comportano potenziali problemi e insidie, e le fonti più significative sono spesso anche le più pericolose. Inoltre, poiché la mitologia e il culto norreno non sono mai stati codificati o sistematizzati da coloro che effettivamente credevano e praticavano, una fonte che descrive le credenze o le pratiche di una particolare località o di una persona non può necessariamente essere assunta a riferimento dell’intera popolazione norrena precristiana. Solo analizzando criticamente tutte queste fonti disparate in relazione l’una all’altra possiamo arrivare a un quadro affidabile e sostanziale di come fossero effettivamente la mitologia e il culto norreni. Questo quadro non sarà mai quasi completo e non sarà mai privo di difficoltà, ma l’immagine che abbiamo è davvero vivida e affascinante 🔥.
🔥
Bibbliografia:
DuBois, Thomas A. 1999. Nordic Religions in the Viking Age. University of Pennsylvania . Philadelphia, Pennsylvania, USA.
Branston, Brian. 1974. “The Lost Gods of England”. Oxford University Press: New York, New York, USA.
Byock, Jesse. 1995. “Choices of Honor: Telling Saga Feud, Tháttr, and the Fundamental Oral Progression.” In Oral Tradition Vol. 10, No. 1. Slavica Publishers: Bloomington, Indiana, USA.
Velasco, Manuel. 2012. “Breve historia de los vikingos”. Ediciones Nowtilus, S.L. Doña Juana I de Castilla 44, 3º C, 28027 Madrid.
🔥
Immagine:
Pietra di Tjängvide. E’ una pietra istoriata scoperta nel 1844 nella fattoria Tjängvide a Gotland , ora esposta al Museo storico di Stoccolma.
Immagine da www.storicang.it
Mánakona Úlfdóttir