14 aprile, 2024

Approfondimenti. Le Fonti parte 1
🔥Le prove disponibili per quanto riguarda il culto e la mitologia dell’epoca vichinga provengono da diversi tipi di fonti, ma le fonti letterarie contengono inevitabilmente la spina dorsale di tali prove, quindi esaminiamole per prime.
🔥
Le uniche fonti scritte che possediamo direttamente dall’epoca precristiana nell’Europa settentrionale sono le iscrizioni runiche, che sono tutte brevi e, nel complesso, ci dicono molto poco. Le rune, piuttosto scarsamente utilizzate, erano l’unico metodo di scrittura che i norreni avevano prima dell’introduzione dell’alfabeto latino, che andò di pari passo con l’introduzione del cristianesimo nel X e XI secolo. La cultura vichinga era una cultura orale e, sebbene esistessero sicuramente poesie tradizionali che trattavano argomenti mitici e religiosi, nessuna di queste è sopravvissuta – con alcune parziali e possibili eccezioni, come vedremo tra poco.
🔥
Tuttavia, possediamo poesie di corte – chiamate “poesie skaldiche” dal nome skald, la parola norrena per “poeta” – che risalgono al IX secolo in poi, composte e trasmesse oralmente per molte generazioni prima di essere finalmente scritte tra l’XI e il XIV secolo, di solito sotto forma di citazioni in opere in prosa più ampie. Lo scopo dei poemi skaldici era quello di compiacere e lodare i re presso i quali gli skald erano impiegati. Raramente raccontano i miti nella loro interezza, ma spesso fanno allusione ai miti lungo il percorso per rendere l’idea. I poemi skaldici ci permettono quindi spesso di capire che almeno una versione di un mito raccontato dagli autori medievali esisteva davvero in epoca vichinga.
Un’importante raccolta di antiche poesie norrene, chiamata Edda poetica, fu compilata ed edita in Islanda nel XIII secolo. (Edda poetica è un nome moderno; in origine la raccolta era priva di nome e il titolo attuale le fu dato da studiosi del XVII secolo colpiti dalla somiglianza dei suoi contenuti con quelli dell’Edda di Snorri Sturluson, che esamineremo a breve). I poemi di questa raccolta si differenziano dai tipici poemi skaldici per la loro struttura formale e per il fatto che si propongono di raccontare interi miti. Per questo motivo, vengono chiamati “poemi eddici” per distinguerli dalla poesia skaldica. Gli studiosi discutono ferocemente e senza sosta sull’età di questi poemi. Le argomentazioni vanno dal nono al tredicesimo secolo, e i diversi poemi sono stati probabilmente composti in tempi diversi (e in luoghi diversi). Allo stesso modo, c’è poco consenso sul fatto che siano nati come poemi orali o scritti. Ciò di cui possiamo essere certi, tuttavia, è che la forma in cui sono giunti fino a noi è un prodotto del XIII secolo, molto tempo dopo che il culto norreno aveva cessato di essere una tradizione vivente ed era diventata un argomento di interesse antiquario. I redattori dell’Edda poetica non erano semplici compilatori; oltre a decidere quali poesie includere e in quale ordine, apportarono modifiche e aggiunsero una notevole quantità di materiale al testo finale della raccolta. Alcune parti della raccolta furono probabilmente composte durante l’epoca vichinga e il periodo di transizione al cristianesimo, ma altre parti furono sicuramente scritte dai redattori del XIII secolo. Queste parti includono “indicazioni sceniche” inserite nel corpo di alcune poesie, versi aggiunti o sottratti e passaggi in prosa che sono stati collocati prima e dopo alcune poesie.
 🔥
Bibbliografia:
DuBois, Thomas A. 1999. Nordic Religions in the Viking Age. University of Pennsylvania . Philadelphia, Pennsylvania, USA.
Branston, Brian. 1974. “The Lost Gods of England”. Oxford University Press: New York, New York, USA.
Byock, Jesse. 1995. “Choices of Honor: Telling Saga Feud, Tháttr, and the Fundamental Oral Progression.” In Oral Tradition Vol. 10, No. 1. Slavica Publishers: Bloomington, Indiana, USA.
Velasco, Manuel. 2012. “Breve historia de los vikingos”. Ediciones Nowtilus, S.L. Doña Juana I de Castilla 44, 3º C, 28027 Madrid.
Mánakona Úlfdóttir