01 febbraio, 2023

Massimo Nobili (Úlfgaldr Valtýsson)

Massimo Nobili (Úlfgaldr Valtýsson)

Attraverso un’intervista fatta da Евгений Нечкасов AKA Askr Svarte, presidente di SVARTE ASKE, conosciamo Massimo Nobili AKA Úlfgaldr Valtýsson, fondatore dell’Associazione Vento del Nord, dell’Associazione Άsa-Ódhinn, responsabile dell’omonimo Kindred e attuale Legale Rappresentante di un Ente Extraterritoriale.

Interview with Massimo A. Nobili (AFA — Italy)

 

Intervista tradotta in italiano:

Intervista a Massimo A. Nobili (AFA – Italia) nel 2019  a cura di Askr Svarte

Massimo A. Nobili alias Úlfgaldr Valtýsson è nato a Milano, in Italia, nel 1959. Già all’età di 13 anni “sentì il richiamo” e a 16 incontrò un maestro di rune che lo guidò sulla strada della tradizione tedesco-scandinava e spiritualità. A 21 anni si recò in Scandinavia per le sue prime ricerche e poi visitò più volte Svezia, Norvegia e Lapponia per le sue opere, pratiche e per rafforzare il legame interno con il Nord. In seguito, all’età di 24 anni, Massimo si è trovato di fronte a un problema: per continuare la sua pratica e ricerca, aveva bisogno di trasferirsi da Milano in un luogo più vicino alla natura e lontano dalle città. Dopo quattro anni ad Alessandria, nel 1986 soggiorna in Valle d’Aosta ai piedi delle Alpi. Da lì, a partire dagli anni ’90, ha iniziato a diffondere gli insegnamenti della tradizione nordica e dello sciamanesimo scandinavo. Già nel 2015, dopo un paio di anni di pausa, ha investito con una nuova forza nella diffusione della tradizione e delle pratiche sciamaniche nel Nord Europa. Ha fondato l’associazione culturale “Άsa-Ódhinn”, con l’obiettivo di promuovere la rinascita dell’antica tradizione e spiritualità del Nord e la diffusione delle pratiche ricevute. E anche per creare un luogo comune per incontrare e supportare i praticanti al giorno d’oggi. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro in italiano, “The History of Scandinavian Shamanism: From Its Roots to the Present Day”. Nel febbraio 2019, Massimo ha fondato l’omonimo Commonwealth “Kindred Άsa-Ódhinn”, che comprendeva altre sette persone, ed è diventato il primo capitolo dell’Assemblea popolare di Asatru in Italia. Nello stesso anno esce il suo secondo libro, “Runes: the Secret Knowledge”.

Askr Svarte: Asatru è una tradizione popolare. Come si spiega la partecipazione degli italiani alla rinascita della tradizione tedesco-scandinava? Col fatto che storicamente Roma e la Germania erano in dura ostilità.

Massimo Nobili: Occorre anzitutto ricordare che il popolo dei Longobardi giunse in Italia nel 568 d.c. e stabilì il suo regno su tutto il territorio fino al 774 d.c. La capitale era Pavia, in Lombardia. Anche il nome della stessa regione ricorda il popolo longobardo. La loro religione era l’arianesimo e solo nel settimo secolo si convertirono al cattolicesimo. Gli italiani quindi hanno anche discendenti e antenati tra i popoli germanici che seguirono il culto di Odino. Al di là di questo dato storico, bisogna tener conto anche di quelle che io chiamo “le radici del sangue”, il DNA spirituale che avvicina l’individuo agli Dèi anche se il suo territorio di origine non è strettamente scandinavo. Come è noto, la parola “sciamanesimo” è di origine turca ed è fortemente connessa con le funzioni sociali del guaritore e del conduttore di anime verso altri mondi.

Askr Svarte: puoi definire cos’è lo sciamanesimo per la Tradizione del Nord e come veniva autenticamente chiamato nell’antichità?

Massimo Nobili: qui la cosa si complica un po’. Odino è riconosciuto come un dio sciamanico. Prova di ciò sono i sacrifici che fa su Yggdrasill e il suo occhio alla Sorgente di Mimir. Molte delle sue qualità sono sciamaniche. Lo sciamanesimo settentrionale è un po’ diverso dalla più nota tipologia asiatica. Sappiamo, ad esempio, che i Sacri Guerrieri erano dedicati a Odino-Wotan, Berserker e Úlfheðnar che erano essi stessi sciamani, sebbene il loro uso fosse solo per la guerra. Non so che ci siano figure simili in nessun altro tipo di sciamanesimo. È diverso ancora condurre le anime nell’aldilà. Tradizionalmente non è lo sciamano che fa questo, ma sono le Valchirie, figlie di Odino, o lo stesso Odino. Uno sciamano diventa tale perché abbraccia il culto del Grande Padre totalmente e senza riserve. Lo sciamanesimo nordico, per quanto mi riguarda, è una pratica che ti collega direttamente a Odino: è Lui che ti chiama e ti offre questa possibilità. In un certo senso, l’individuo deve diventare come il Grande Padre: perdere la sua individualità per un bene più grande. Per questo lo sciamano acquisisce spesso uno dei nomi di Odino. Acquisisce uno dei nomi del Primo Sciamano venuto sulla Terra per proteggere e insegnare agli uomini. Non esiste una regola per identificare la chiamata. Ma chi è chiamato sa di esserlo. Ma questo è solo il primo passo.

Askr Svarte: gli antichi tedeschi e scandinavi usavano sostanze inebrianti o allucinogene nelle pratiche sciamaniche?

Massimo Nobili: la cuticola dell’Amanita muscaria. Ma spesso veniva usato anche il Bragafull, la bevanda rituale pensata per portare dentro di sé lo spirito del dio.

Askr Svarte: quali autori moderni o classici hanno influenzato le tue opinioni e chi consiglieresti di leggere per gli asatruar?

Massimo Nobili: non ho mai letto molto, preferendo la pratica alla teoria. Indubbiamente, Mircea Eliade e Davide Melzi per Sciamanesimo e per Tradizione Mario Polia e Nigel Pennik.

Askr Svarte: in che modo la tua esperienza e le tue pratiche hanno influenzato te personalmente, il tuo atteggiamento nei confronti del mondo moderno e la tua vita quotidiana?

Massimo Nobili: ho ricevuto la mia prima Chiamata quando avevo 13 anni. A 16 anni ho conosciuto la mia Erilaz. Oggi ho 60 anni. Il percorso che segue è quello di Άsa-Ódhinn e io ho sempre cercato di portarlo nella vita di tutti i giorni. Non sempre ci riuscivo. Gli esseri umani sono imperfetti e fallibili e certamente non esenti da errori. Ma siamo qui anche per scoprire chi siamo e cosa dobbiamo fare. E questa scoperta non può essere esente da errori. Quando cado cerco di rialzarmi e riprendere ad essere e comportarmi in ciò in cui credo.

Askr Svarte: come è noto, l’evento più importante della tradizione tedesco-scandinava è il Ragnarok. Come interpreti il ​​mito escatologico nella Tradizione del Nord, cosa significa per te personalmente?

Massimo Nobili: il necessario azzeramento della mancanza di valori di questa epoca e di coloro che l’hanno provocata per troppi secoli. Tutto è ciclico: questo è un concetto della Tradizione sia nordica che universale. Stiamo toccando il fondo. Ma è l’unico modo per riprendersi.

Askr Svarte: l’ultima domanda: cosa potresti consigliare o augurare ai seguaci di asatru di lingua russa?

Massimo Nobili: in tempi così difficili il mio augurio per i fratelli di lingua russa ma anche per tutti gli Ásatruar di questo mondo è di superare le differenze interne esistenti e di guardare lontano. Fede e devozione attiva agli Dèi. Ciò che conta sono solo i fatti, non le parole. E gli Dèi si aspettano i fatti dai loro figli. Abbiamo bisogno di unione e di sapere che il cambiamento è alle porte e che gli Ásatruar faranno la loro parte.

I libri di Massimo: “Runa: la Conoscenza Arcana” Un approccio completamente diverso alle Rune. Le rune Arcane prendono in considerazione le tre serie: Creazione, Manifestazione, Lotta e Rinnovamento posizionandole con una sequenza diversa da quella più comunemente conosciuta. Un approccio tradizionale che tiene conto del contesto storico, mitologico e spirituale delle popolazioni arcaiche del nord Europa, analizzando i tratti fondamentali del Mito. Ogni runa viene spiegata nel dettaglio a partire dalla sua composizione grafica necessaria per una corretta e completa comprensione della stessa. Esercizi spirituali e metodi per il loro uso magico completano questo libro che non manca di indicazioni pratiche per la vita quotidiana. “Sulle tracce dello Sciamanesimo Scandinavo: dalle sue radici ai giorni nostril” Un viaggio alla scoperta dello Sciamanesimo Scandinavo indagando il Tempo Mitico prima della caduta e introducendo la creazione dell’Universo confrontando Rune e antichi simboli di altre culture. Un percorso che si sviluppa lungo l’estremità del continente asiatico, per poi svoltare verso nord e, attraverso gli Urali, raggiungere l’Europa. un’attenta analisi degli elementi principali – Sleipnir, Yggdrasill e Rune – con una ricerca approfondita e innovativa sulla figura di Odino. peculiarità e specificità dello sciamanesimo scandinavo che includono approcci alle Rune e alle Confraternite Guerriere del Berserkir e Úlfheðnar, arriveranno ai giorni nostri e comprenderanno ciò che resta oggi.

Sito web: www.viandantedelnord.it

Facebook: https://www.facebook.com/viandantedelnord

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCdgqA_wYHWDqkdOXKAMXKLQ

 

 




Post Correlati