Per Informazioni: info@viandantedelnord.it

L’eteno imbruttito

Ultimamente da più parti mi è stato chiesto il motivo per il quale online si manifesta un certo disappunto nei confronti di chi afferma di essere eteno, disappunto riscontrabile in diversi gruppi Facebook che si interessano di paganesimo e neo-paganesimo. È una questione reale e non forzata o viziata da sciocche diatribe personali. Sono iscritto ad alcuni gruppi Facebook di questo tipo e io stesso ho verificato tra i vari partecipanti, rigidità e sospettosità nei confronti di chi sostiene l’Etenismo, termine questo che raggruppa in qualche modo tutte le fedi che si rifanno alla spiritualità e alla religione germanico-scandinava dell’Europa pre-cristiana. Ho potuto confrontarmi con admin dei vari gruppi Facebook e ciò che è emerso, è che spesso chi si dichiara eteno ha un approccio arrogante e presuntuoso non scevro da una certa ingiustificata violenza di linguaggio (accuratamente voluto e studiato) al punto tale da far pensare che tutti i gruppi eteni italiani siano realtà settarie, prive di qualunque apertura e confronto. Molti di questi squallidi personaggi sono stati “bannati” da vari gruppi proprio a causa di un reiterato comportamento atto solo a creare fastidi e risse verbali.

È vero che l’Etenismo non è per tutti, cioè non comporta alcun aspetto new age o universalista e che il proselitismo non trova spazio nella nostra Fede. Il concetto di folkish riveste per l’Ásatru un’importanza fondamentale, così come le Rune che, diciamocela una volta per tutte, appartengono alla sola Tradizione Nordica.

Immagine acquisita dal web

Impostare però la comunicazione sulla rissa verbale  con atteggiamenti arroganti e provocatori non solo è stupido ma anche controproducente. Mi sento quindi di rassicurare tutti coloro che hanno dubbi o perplessità sull’Etenismo e sui suoi praticanti: non siamo tutti attaccabrighe o spocchiosi. Pur rimanendo saldi sui nostri Princìpi evitiamo di “salire in cattedra” ed assumere atteggiamenti apologetici classici delle cosiddette religioni del libro, perchè in definitiva di questo si sta parlando: è inutile definirsi pagani, Asatruar o Vanatruar (!), quando i comportamenti sono esattamente quelli dei monoteisti più ortodossi. Tranquilli: l’eteno imbruttito si manifesta con una certa frequenza anche con altri eteni (ed è già tutto dire….).

Quelli che: sono io l’unico odinista in Italia…. oohh yeah…

quelli che: i testi degli altri sono falsi e solo i nostri sono veri… oohh yeah…

quelli che: la filologia!.. e poi vengono sbattuti fuori da gruppi di verificata conoscenza filologica… oohh yeah…

quelli che: si definiscono Forn Siðr e poi parlano di Tradizione Vichinga (che non esiste)… oohh yeah…

quelli che: dicono di possedere testi in norreno che hanno solo loro… oohh yeah…

quelli che sono sul territorio da soli 6 anni e dicono di essere copiati da altri … oohh yeah…

quelli che: il boss ha dato precise istruzioni ai suoi seguaci su chi seguire e quali canali frequentare… oohh yeah…

quelli che: ti bannano dal loro account e poi sostengono il contrario…  oohh yeah…

quelli che: gli altri fanno solo disinformazione…  oohh yeah…

la lista è ancora lunga, ma mi fermo qui. Credo che l’idea sia stata resa..

Giusto ieri parlavo con un conoscente al quale va tutto il mio rispetto per essere l’unico italiano non accademico ad aver tradotto e pubblicato dal norreno l’Edda Poetica, solo per amor di conoscenza.

E mi diceva: “Eteno significa bene o male “onoratore”, da “heiðinn”, a sua volta aggettivo-sostantivo di “heiðr”, onore”. Chi rincorre fama e notorietà, chi fa di tutto per avere un seguito screditando gli altri, non merita un titolo del genere, “se lo facesse per onorare dèi e antenati, metterebbe da parte ogni forma di dissapore e collaborerebbe con gli altri”. Parole sante. Personalmente diffido di chi insegue la gloria. O ha fatto della propria (presunta) conoscenza un lavoro. Quando il portafoglio chiama si è disposti a fare quello che non si dovrebbe fare…

Úlfgaldr Valtýsson (Massimo A. Nobili)

Condividi sui Social
Archivio Articoli

Úlfgaldr Valtýsson aka Massimo Nobili

Movimento Tradizionalista Ásatrú