Walpurg

La notte del 30 di aprile e la giornata del 1° maggio sono segnate da una delle “otto porte” annuali, anche se è da ricordare che le antiche popolazioni non seguivano un calendario solare ma lunare e che le festività assecondavano i cicli naturali e non quelli dettati dal calendario. Walpurg (come viene chiamata questa celebrazione) veniva osservata in concomitanza con un significativo avvento delle forze vegetative sulla terra, ed era questo il momento in cui anticamente venivano celebrati semplici riti relativi alla purificazione mediante il fuoco e alla fertilità.

Associata alla Dea Freyja, era uso versare un corno di birra o idromele alla terra in suo onore e in omaggio ai Landvaettir (spiriti della terra).
Walpurg rappresenta l’irrompere definitivo delle forze vitali nella Terra di Mezzo e sui suoi abitanti.

Immagine acquisita dal web

Simbolo di Walpurg è il Palo di Maggio, dove in Scandivavia, Germania e Inghilterra, vengono spesso eretti su gradini o terrapieni al fine di riprodurre simbolicamente l’Yggdrasil, l’Albero Cosmico sacro agli antichi popoli appartenenti alla Tradizione Nord Europea.
Originalmente i pali erano in betulla e i giovani danzavano intorno ad essi durante la festosa celebrazione. In modo particolare le fanciulle strofinavano i propri genitali sulla betulla (simbolo della Grande Madre) per propiziarne la fertilità.
I Pali di Maggio vennero vietati in Inghilterra nell’aprile del 1644 dal governo e fu decretato lo sradicamento di quelli permanenti, infliggendo così un duro colpo alle celebrazioni locali che avevano ancora un sapore pagano. Anche dopo la disfatta della Repubblica e la restaurazione della monarchia, molti di questi Pali non furono mai rimessi a loro posto.
Importante elemento di Walpurg/Beltane è la purificazione attraverso il fuoco come preparazione all’avvento dell’estate. Nota importante




Post Correlati

Questo sito utilizza cookie tecnici, cookie per condivisione sui Social Network e cookie analitici anonimizzati. Cliccando su accetta acconsenti all'utilizzo dei Cookie Vedi la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi